11 feb 2015

un mondo senza mappa

,
In un post passato  scrivevo di come il "mangiare è un atto agricolo e rivoluzionario" .
Noi possiamo non essere solo semplici consumatori passivi, ma compartecipi della creazione dei sistemi che ci nutrono. Ma l'atto presuppone un atteggiamento, dei protagonisti e una visione tutti collegati simbioticamente.
Se uno solo dei passaggi è inquinato l'intero processo, per quanto idealmente puro, sarà irrimediabilmente inquinato.
E l'atto agricolo ha bisogno di una terra e di agricoltori che sappiano il mestiere del contadino, che abbiano l'occhio del contadino e che recuperino il cuore del contadino. E capita che la terra diventi riscatto e redenzione.
Leggevo "Terroni e campesindios" e mi imbatto nella storia di Xavier, figlio di indigeni sfruttati, e la sua storia si incrocia con quella di Rocco Scotellaro

""Xavier, figlio di indigeni sfruttati per decenni, costretti all'esilio dalla terra, ha pensato alla sua dignità come a una condizione che poteva realizzarsi solo ritornando a coltivare la terra dei suoi, a usare con rispetto le risorse della Pachamama,  a tessere un'esistenza basata sulla condivisione della ricchezza e della
Share

03 feb 2015

La Gatta Mammona

,
La Gatta Mammona



Qualche anno fa un gruppo di ragazzi di Tricarico (MT)  con la passione per la musica popolare, decidono di fondare un gruppo, i "Taranta Sound".
I loro inizi sono nel quartiere  in una cantina del rione Saracena, uno dei  luoghi simboli della comunità.
Ma quella cantina è solo il primo passo. La passione per la musica, per la Terra e la curiosità li spinge a ricercare sonorità e storie. E la voglia di non fermarsi li aiuta ad intrecciare pezzi, fili, armonie in un
Share