18 dic 2010

Controsenso Basilicata e articolo The Guardian 2006

,
Controsenso Basilicata 15/12/10
Rock Shock – Rock Chic

Quelli che un tempo, neanche così lontano, erano dichiarati la vergogna di una nazione, per la tanta povertà e miseria che vi regnava, quei stessi luoghi che erano fonte di shock morale per l’opinione pubblica si sono trasformati in luoghi glamour, di tendenza, posti assolutamente Chic i quali “stanno subendo una reinvenzione spettacolare”. Rock Chic intitolava, nel giugno del 2006, il famoso giornale inglese The Guardian in un suo ennesimo articolo sui Sassi di Matera. Una città celata al mondo che se non fosse reale si potrebbe pensare sia una delle città Invisibili descritta da Calvino.“Nascosta per migliaia
di anni nella regione bruciata dal sole della Basilicata” Matera appare improvvisamente agli occhi meravigliati di giornalisti-Pollicino che seguendo le molliche lasciate dal mondo cinematografico ammaliato “dal sortilegio del paesaggio” scoprono un mondo “tanto surreale quanto è mozzafiato”. Un paesaggio continua il Guardian cha ha “ispirato i pellegrinaggi cinematografici di tutta una generazione di registi e stelle del cinema”. Le antiche e fatiscenti abitazioni-grotte trasformate in alberghi diventano HIP, Highly Individual Places, that make travel memorable, luoghi non di semplice dimora o passaggio ma loro stessi destinazione per l’unicità, il paesaggio e l’articolazione della struttura e capaci di rendere un viaggio indimenticabile. Nell’articolo si cita proprio l’autore di HIP Hotel e HIP Escape, Herbert Ypma, che oltre ad essere un famoso fotografo è anche un guru dei viaggi e i suoi articoli e indicazioni sono seguiti con attenzione da media e viaggiatori. Herbert Ypma, entusiasta di Matera racconta di alberghi con “una stupenda vista sul Sasso Barisano , un'esperienza senza eguali sul pianeta. Si tratta di un miscuglio allucinante di vicoli e scale, di archi, portali e case di pietra che spuntano dalla roccia di tufo morbido e la colonizzano. Al tramonto, assume un dolce, colore dorato. Articoli simili su giornali stranieri oggi sono sempre più frequenti tanto da destare un curiosità e interessi particolari. Un’attenzione che sta spostando l’obiettivo dei turisti e investitori , soprattutto anglosassoni, verso una nuova meta italiana e mediterranea. Qualcuno ha coniato il termine Lucaniashire o Materashire, facendo il verso al più famoso Chiantishire, zona toscana divenuta buen retiro o domicilio di elezione per molti anglosassoni. Ma qui, a Matera e nei borghi che la corollano, gli inglesi non sono in cerca di campagne e di vigneti come in Toscana. Almeno non principalmente. Vengono per scoprire e lasciarsi sorprendere da una dimensione sensoriale, coinvolgere dalle atmosfere che rivestono i paesi , dalle consuetudini del vicinato, dalla riappropriazione del tempo biologico. E tutto a pochi passi da casa loro, nel cuore antico del mondo occidentale, “questo angolo remoto e senza tempo di Italia, attualmente in fase di rigenerazione, rimane una delle gemme nascoste in Europa.” Qui avvertono la presenza di un mondo che ha storie da raccontare, paesaggi e luoghi che si manifestano, come epifanie, tutti esageratamente CHIC. Insomma per dirla come The Guardian: "the new place to be".

G.M. Share

2 commenti to “Controsenso Basilicata e articolo The Guardian 2006”