05 ott 2010

Basilicata e Briganti- alcune lettere 1

,
Scritte nel 1862 da Nicola Battista Passarelli materano e inviate a Napoli al suo conterraneo Leonardo Passarelli per aggiornarlo sullo stato delle cose nel materano (parte 1)
Le taglie 




Matera 27 gennaio 1862
"...Qui tutto procede press'a poco come quando voi eravate qui.l'unica cosa che un poco intorpida l'orizzonte tranquillo del paese,è il dissenso del maggiore comandante di piazza.Sarebbe desiderabilissimo che si andasse a far .....! Circa i briganti stiamo un pò quieti,ma ciò non pertanto vi sono varie piccole compagnie nella provincia,che certo non fanno del bene.Nel bosco di Montescaglioso ve n'è una di circa 30 persone a piedi,ed a cavallo,che ora si vedono verso Bernalda,ora verso Pisticci,ora nel tenimento di Ginosa,e Castellaneta,ora stanno uniti,ora si dividono.Ninco Nanco e Crocco stanno verso Tolve e circa 10 giorni addietro fecero fuoco sopra a Donato Vincenzo Motta ferendolo leggermente,ed offendendo gravemente uno dei suoi guardiani.Questi hanno una compagnia di circa 12 persone a cavallo. Un tale Cavalcanti di Corleto audacissimo Capo-o-Brigante,si raggira in què dintorni con circa 30 malviventi.Un altro celebre bandito Coppa di Rionero, che per dinotare la sua propensione al sangue si firma Coppa il Beccaio,si raggira con 12 compagni a cavallo nel bosco di Lagopesole.Un'altra diecina scorrazzano tra il tenimento di Grottole, e la
Rifeccia.Insomma piccole bande ve ne sono sparse quà e là,e che se non si esterminano adesso,a primavera abbiate per fermo che ci faranno stare di nuovo col fucile in mano.Il capitano Granville è ritornato da tre quattro giorni,e si tratterrà qui fino alla fine del mese.Egli mi ha detto che prima che termini il giro alla fine del mese,spera di avere nelle mani il Cavalcanti e compagni.Faccia Iddio! Un altro tranello si è tessuto per Ninco-Nanco.Speriamo che piangono tanti delitti di cui vanno bruttati.Credo che avrete letto nè giornali la fucilazione del compagno di Borjes il Maggiore Capteville,io ne so i particolari da un soldato che a formato parte degli esecutori della fucilazione:Piangeva come un ragazzo chiedendo grazia di voler servire come l'ultimo soldato.Mio zio scrivemi da Potenza che dagli Unheresi di cavalleria ,e dà cavalieri nazionali di Mennuni sono stati presi, e fucilati altri nove briganti.Speriamo che presto ci levino l'incomodo..."

Sud antico e Nuovo,di Francesco P.Nitti
http://www.lucanineuropa.eu/%20Briganti%20%20Lucani.asp Share

0 commenti to “Basilicata e Briganti- alcune lettere 1”