05 ott 2010

Basilicata e briganti - alcune lettere (3)

,
Scritte nel 1862 da Nicola Battista Passarelli materano e inviate a Napoli al suo conterraneo Leonardo Passarelli per aggiornarlo sullo stato delle cose nel materano (parte 3)

16 Agosto 1862

"...Il brigantaggio continua essendosi ormai resa una malattia cronica che ora più,ora meno ci molesta.Che volete che vi dica? Non si vuol prendere nessun espediente per farlo finire.Qui abbiamo due delegati di P.Sicurezza,un Cancelliere,e 10 guardie che fanno?Quale benchè menomo sergigio hanno reso fino ad oggi?
Le avventure del brigante Crocco nei pannelli usati dai cantastorie del periodo










Non fanno nulla,precisamente nulla.E' pure qui vi è un comitato borbonico,e pure i briganti ànno avuto ed ànno relazione con paese,ed intanto ? Rubano il soldo! qui tutti i buoni cittadini sono in agitazione per la scappata fatta da Garibaldi,e si teme che potesse nascere una guerra civile.Speriamo che Iddio voglia continuare a proteggere l'Italia,ma intanto vi dico che siamo in seria apprensione,dacchè vedreste il brigantaggio che sta crescendo,avanzarsi a dismisura,ed i borbonici,ed i clericali che già cominciano a ridere ,e sperare nelle scissure ed intemperanze,menar trionfo e godersela.Ripeto,speriamo che la cosa abbia buona soluzione,e tutto finisca,altrimenti sono guai..."


20 Agosto 1862

"...Qui nel nostro distretto il brigantaggio è ben poca cosa,avant'ieri quattro compagni di Coppolone furono addosso a sette pisticcesi che scortavani il signor Dellosso,ma ebbere pane per focaccia,che due briganti
furono presi,uno dei quali fu fucilato,l'altro si mantiene prigioniero perchè farà prendere il resto dei compagni,un'altro brigante scappò,ed un altro inseguito si menò nel Bradano,e si crede che fusse morto.Il giorno 7 corrente gli Accetturesi uccisero 15 briganti della banda di Cavalcante e compagni,e poi rinvennero qua e là per la campagna altri 7 cadaveri che feriti erano andati a perire. De' Nazionali un solo fu ferito allagamba.La truppa non ne fa nulla,se escono di perlustrazione si accampano al parco di S.Lucia,o dietro i cappuccini,qualche volta che sono andati nei boschi per avviso ricevuto che vi erano i briganti,giunti al lupgo più folto,e più sospetto,suonano la tromba o battono il tamburo.Così si va a "briganti"! Non sono buoni che a prendersi il soldo di campagna,ubriacarsi,e molestare le donne.Gli ultimi passi sconsigliati di Garibaldi ci fanno stare in grande agitazione,e temiamo che Dio sa in quale abisso vorrà gittarci.Speriamo che Iddio vorra continuare ad aiutarci.Bramerei che anche voi facciate una scappata qui alle ferie,che ci divertiremo a caccia,e se i briganti non si aumenteranno in modo da permetterci d'uscire,vi dico che ci divertiremo bene,che la caccia quest'anno non ci è stata mai.Cingiali anche alla gravina Mezzanarona!Ieri alcuni contadini presero un porcello di 3 o 4 mesi.Lepori a no finire..." Share

0 commenti to “Basilicata e briganti - alcune lettere (3)”