22 nov 2010

sul New York Times si parla di Basilicata

,
Dopo il Financial Times anche il New York Times parla della Basilicata! L'articolo, corredato da un servizio fotografico, from poverty to luxury (vedi foto), pone l'attenzione sulla trasformazione del paesaggio. Il titolo del servizio In Italy, Luxury Transforms Caves Into Hotels, ovvero Il lusso trasforma le grotte in hotel, evidenzia anche un riscatto sociale del...paesaggio.
Ma al di là delle interpretazioni più o meno personali, il dato di fatto è che una regione fino a poco tempo fa completamente ignorata e invisibile si sta ritagliando uno spazio tutto suo.

Ecco l'articolo tradotto in italiano, pubblicato sul New York Times il 21 novembre a pagina 9.
Era un tardo pomeriggio a Matera, in Basilicata una regione del sud Italia, e le rondini svolazzavano in aria, il
loro cinguettare melodioso veniva interrotto solo dal tintinnio delle campane delle mucche che si abbeveravano nel torrente, giù in fondo al canyon.
Dall'altro lato del canyon c'è l'antica Matera, una zona così antica che è stata utilizzata per riprodurre la Giudea nel film "La Passione di Cristo" di Mel Gibson.
Spesso chiamata Sassi (che significa pietra/roccia), o la città dei Sassi, questa parte di Matera è un labirinto di grotte, chiese - alcune delle quali risalenti ai tempi dei romani - stradine a zig zag e facciate in pietra scolpita, su un strapiombo, di tufo ingiallito.
Appena dopo che io e la mia famiglia ci eravamo sistemati in un albergo del tutto nuovo, denominato Sextantio- Albergo Diffuso Le Grotte della Civita, abbiamo notato una coppia di anziani salire le scale, di pietra consumata, dell'hotel. La coppia, che indossava gli abiti della domenica, è entrata sulla terrazza, in pietra, dell'hotel attraverso un cancello in ferro. Nella hall, abbiamo sentito l'uomo, Francesco Di Cecce, presentarsi al gestore e raccontare che lui e sua moglie erano venuti a visitare la sua casa d'infanzia. Curiosi, li abbiamo seguiti come hanno trovato ciò che cercavano nel luogo in cui è ora la Suite 10. "Sono nato qui nel 1939", ha detto Di Cecce mentre apriva una spessa porta di legno che introduceva in una grotta che si estendeva per circa 60 metri.
Come le abitazioni che la circondano, la maggior parte dell’albergo è composto da grotte, con le facciate scavate nella roccia o costruito da blocchi di calcare. Suite 10 è stata trasformata in una versione magica della caverna di Platone, splendente di luce dorata artificiale che filtra attraverso le finestre piccole, e da illuminazione incassate nelle pareti. Lo spazio minimo è stato arredato in maniera semplice, con una scrivania d’arte in legno invecchiato, un grande letto con una copertina bianca, soffitti a volta e un pavimento in pietra patinata
"Sono cresciuto qui con i miei sette fratelli e sorelle," disse il signor Di Cecce, e indicando il bagno di lusso con la vasca da bagno a forma di uovo del design Philippe Starck. "E gli animali vivevano là dietro."
Nel 1945, quando "Cristo si è fermato a Eboli" –Carlo Levi racconta l'estrema povertà in Basilicata - è stato pubblicato, ha portato l'attenzione e la vergogna di questa regione dimenticata, inserita tra la Puglia e la Calabria. Un decennio più tardi, il signor Di Cecce e circa 15.000 abitanti nei Sassi sono stati trasferiti in nuovi alloggi a basso reddito, e le antiche case grotta furono abbandonati.
Mentre guardavo in giro per la stanza che un tempo era la casa di una famiglia di poverissimi, ho ricordato qualcosa che l'umorista americano Finley Peter Dunne una volta disse: "Il passato sembra sempre migliore di quanto non fosse perché non è qui".
Infatti, in questi periodo le grotte appaiono molto meglio che sotto la tutela dello stato. Nel 1993, nel tentativo di proteggere la storia significativa dei Sassi, l'Unesco ha dichiarato il Matera e i Sassi patrimonio mondiale dell'UNESCO, e gradualmente quelle case abbadonate a se stesse sono state trasformate in alberghi e ristoranti. Ora che alcune delle grotte sono progettati con vasche da bagno Starck e con alte tecnologie per il controllo della temperatura e umidità, alcuni viaggiatori sono disposti a spendere più di 400 dollari a notte per immergersi in una atmosfera incantata di antichità, anche se questo significa fare a meno di TV a schermo piatto o Wi -Fi.

Il regista e ... albergatore Francis Ford Coppola sta contribuendo a far girare il nome della Basilicata. La prossima primavera ha in programma di aprire completamente Palazzo Margherita, nella remota cittadina di Bernalda, a circa 25 miglia a sud di Matera, e meno di 10 miglia dalla costa del Mediterraneo.
Anche se è la sua sesta proprietà, questa è la sua più personale. Suo nonno Agostino Coppola è nato e cresciuto in una "casa piccola nel centro storico di Bernalda," scrive Coppola in una e-mail. Ha aggiunto che suo nonno, che ha parlato spesso del suo paese natio, non mancava mai di chiamare la sua città natale "Bella Bernalda".
Il signor Coppola è andato a vedere Bella Bernalda per se stesso e nel 1962 "è stato abbracciato dal paese e ha scoperto che con quasi tutti era cugino." Nel 2004 acquista Palazzo Margherita, una grande villa del XIX secolo. Gli interni sono stati progettati dal designer parigino Jacques Grange, e sarà caratterizzato da nove suite, un ristorante e un bar lato strada. Nella sua e-mail, il Sig. Coppola ha descritto il fascino della Basilicata: "E’'difficile scavare un buco nel terreno ovunque, senza scoprire un vaso greco o un coccio antico. Il vino è eccezionale. L'olio di oliva è eccezionale. Il cibo è unico. Ci sono cose che vengono mangiate che sono sconosciute altrove in Italia. "
Ci vuole un esploratore appassionato per di cucina per arrivare a Luna Rossa, un ristorante così fuori da ogni itinerario che si deve portare con sé quasi po 'di carburante di riserva. Lungo il percorso che si snoda attraverso il Parco Nazionale del Pollino che conduce al paese di Terranova di Pollino, diventa chiaro il perché alcune delle ricette di Basilicata non hanno mai lasciato la zona.
"Alcune dei paesi in Basilicata sono così isolati che a volte è possibile trovare piatti che non sono cambiati molto dai tempi pagani", ha affermato Federico Valicenti, chef della Luna Rossa e proprietario, un auto-proclamato culinario antropologo.
Quel giorno particolare in maggio ha servito i suoi ospiti un pasto che comprendeva fette sottili di salumi di maiali che mangiano ghiande nel Pollino, tapparelle, pasta locale a forma di un orecchio, servito con ricotta dura formaggio e scorza di limone, un piatto di capretto arrosto che è stato ispirato da una ricetta medievale, e di maiale, uova e formaggio caciocavallo locale. Sulla lista dei vini Luna Rossa ci sono una decina di vini dell’Aglianico del Vulture, un antico vitigno rosso originario della Grecia, coltivato sulle pendici di un vulcano spento nel nord ovest della Basilicata.
Anche se il Sig. Valicenti cerca ispirazione nei testi medievali e rinascimentali, ha detto le sue ricette sono le sue interpretazioni di piatti storici. "Io li rendo più leggeri e utilizzo moderne tecniche di cottura," ha detto.

Di nuova apertura è il Torre Fiore Hotel, a10 minuti di auto dalla città piccola sulla collina di Pisticci, la cui colazione offre  una ricotta di assoluto valore,   prodotta da una  famiglia locale che si dedica alla lavorazione artigianale di formaggio e ricotta da sei generazioni. Lo chef dell'hotel, a sua volta, utilizza per fare una mousse di ricotta semplice ma memorabile.
L'hotel, circondato da fiori selvatici e campi di grano, una volta era una masseria (una casa colonica con mura fortificate tipiche del sud Italia), costruita da un ricco proprietario terriero. Ora è un sogno realizzato dal proprietario, Giovanni Giannone, che era nato a Pisticci, ma emigrato a Toronto. E 'stato originariamente progettato come una casa di vacanza per la sua famiglia, ma i suoi figli sono stati così entusiasti delle potenzialità del territorio che hanno deciso di trasformarlo in un boutique hotel con piscina e 13 suite.
Il ristorante Torre Fiore è popolare tra gli intenditori locali che come Roberto Martino e il suo compagno, Angelo Bianco, hanno guidato per 45 minuti da Matera per mangiare lì.
Originario della Basilicata, i due si trasferiscono a Firenze dove sono organizzano happening di arte contemporanea. Circa quattro anni fa hanno deciso di tornare in Basilicata per realizzare SoutHeritage, una fondazione d'arte contemporanea che organizza mostre d'arte contemporanea in spazi storici in tutta la Basilicata.
Il signor Martino ha ricordato che la prime mostre attiravano gente p più per il vino e il cibo che per l’arte. "Idee moderne richiedono tempo per essere accettate qui," ha detto. "Siamo almeno 60 anni indietro rispetto l'Italia settentrionale." Poi, ha aggiunto con una risata: "Anche se a volte sembra secoli".


leggi l'articolo sul New York Times

www.tracieloemandarini.blogspot.com Share

1 commenti: